Il 10 maggio 2012 l’inceneritore di Cavazzoli (Reggio Emila) è stato spento dopo oltre quarant’anni di attività. E’ stato un processo lungo che si è chiuso con un grande successo, fatto di scelte sociali e tecniche: investimento sulla raccolta differenziata civile e industriale (60% nel 2010 e obiettivo del 67% per il 2015) e sul porta a porta; riduzione degli sprechi (nel mondi si scartano rifiuti alimentari che basterebbero a sfamare 3 miliardi di persone), anche grazie all’introduzione di meccanismi fiscali per cui alle famiglie conviene fortemente non sprecare, riutilizzare e recuperare materia; diminuzione della quota di rifiuti provenienti da altre province.

Reggio ha dimostrato che le variabili economiche non sono necessariamente da accettare così come sono, si possono modificare e adattare a ciò di cui abbiamo bisogno: con la tariffa puntuale (“paghi per ciò che smaltisci”) il riciclo diventa più leggero e conveniente, lo smaltimento più oneroso. L’obiettivo è anche di di generare un vero e proprio ciclo economico, di rioccupazione, di riconversione delle aziende: quella dei rifiuti è un’industria da estendere, troppo spesso lasciata alla malavita.

Il successo di Reggio Emilia si deve ad anni di lavoro, ricerca di soluzioni alternative e creazione del consenso tra le istituzioni e tra i cittadini. Si apre così un nuovo capitolo nello smaltimento dei rifiuti di questa città, che punta sul trattamento meccanico biologico (TMB – entro il 2015), con annessa una fabbrica per il recupero dei materiali, un impianto che non ha bisogno di bruciare i rifiuti. In Europa il materiale inerte che esce dai TMB può essere raffinato ed usato per i ripristini ambientali delle cave. Anche a Reggio si sta lavorando per questa soluzione e se nei prossimi anni avrà successo, dopo aver chiuso una delle due discariche attive si potrà pensare di superare definitivamente anche la seconda.

Approfondimenti

Chiuso l’inceneritore di Reggio Emilia

Condividi

Bio
€2,670
Obiettivo €10,000
105
Sostenitori
May
25
2014
 
Prossimi Eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

EuroPaolo Interrail

12 città che vogliamo

Prossima Europa

Appelli firmati

Created by

Email
Print