Chiedo parole chiare ai candidati del PD alle elezioni europee sull’applicazione della legge 194 e l’obiezione di coscienza.
Milano è considerata la città più europea di Italia, eppure l’80% dei medici è obiettore e il diritto alla salute delle donne non è tutelato. È stato già un errore non appoggiare pienamente al Parlamento Europeo la risoluzione Estrela che chiedeva di garantire il diritto all’aborto sicuro in tutti i Paesi Ue. Le cronache di oggi ci raccontano le conseguenze. Al Niguarda ci sono solo due medici che praticano la IGV e così molte donne sono costrette ad arrivare al limite dei termini di legge per fare l’intervento.
Vogliamo che non succeda più ciò che è accaduto a Genova, dove un medico ha rifiutato un esame a una donna che aveva assunto la pillola abortiva Ru846 e che all’ospedale di Niguarda di Milano una donna possa trovare l’assistenza a prescindere dalle opinioni dei medici. Chiedo che su questi temi sensibili i candidati del Partito democratico alle europee prendano una posizione netta, soprattutto dopo la scelta di alcuni europarlamentari democratici di astenersi sulla “risoluzione Estrela” che aveva tra i suoi obiettivi sia la prevenzione delle gravidanze indesiderate che la garanzia di un accesso equo alla contraccezione e all’aborto sicuro e legale.

Condividi

Redazione
Bio
La redazione di PaoloSinigaglia.it
€2,670
Obiettivo €10,000
105
Sostenitori
May
25
2014
 
Prossimi Eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

EuroPaolo Interrail

12 città che vogliamo

Prossima Europa

Appelli firmati

Created by

Email
Print